Crea sito

Di Bonaventura presenta Allen Ginsberg

Martedì 7 Marzo ore 21.15, l’attore rosetano Vincenzo Di Bonaventura continuerà con la rassegna DI MARTE-Dì presso il Teatro dell’Arancio, nel Vecchio Incasato di Grottammare, con #Urlo di #AllenGinsberg.
La rassegna fa parte della stagione promossa dall’associazione culturale Blow Up “La bellezza (condivisa) salverà il mondo”
Urlo (#Howl) è un poema di Allen Ginsberg. Fu letto per la prima volta nel 1955 nella Six Gallery di San Francisco, dal poeta stesso. Il poema fu pubblicato nella raccolta Howl and Other Poems nel 1956 dalla City Lights Bookstore di Lawrence Ferlinghetti.
La pubblicazione portò all’arresto di Ferlinghetti per diffusione di oscenità.
Howl ha segnato una svolta nella poesia contemporanea, è una ballata psichedelica, un grido di dolore e protesta contro l’America, un viaggio nella mente dell’autore.
Versi rapidi, che incastrano decine di esistenze nell’invito finale a non dimenticare ciò che è santo e vero nella vita.
Nell’opera si intrecciano storie ed esperienze dei componenti della #BeatGeneration, di cui è divenuta manifesto (una particolare dedica, contenuta nella prima parte, è fatta da Ginsberg a Neal Cassady, il suo grande amore non corrisposto. Il poema è dedicato all’amico CarlSolomon, che #Ginsberg incontrò nel 1949 all’ospedale psichiatrico di Columbia, a New York City.
Howl and Other Poems fu pubblicato nell’autunno del 1956 come numero quattro della serie di edizioni di poesie City Lights Pocket Poets Series della casa editrice City Lights Books, di proprietà di Lawrence Ferlinghetti.
In Italia, fu pubblicato nel 1965 da Mondadori, all’interno della raccolta Jukebox all’Idrogeno, tradotto da Fernanda Pivano.

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. E' iscritto, dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, elenco pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.