Crea sito

Rosaria Ciancaione, presenta interrogazione piano delle antenne a Roseto

Presentata ieri, mercoledì 22 marzo 2017, dalla capogruppo di Un’Altra Idea di Roseto Progressista – Roseto Unita, Rosaria Ciancaione, l’interrogazione sul piano delle antenne; piano che nasce con lo scopo di assicurare un adeguato insediamento urbanistico e territoriale degli impianti, minimizzando l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.
“Un Piano che a Roseto ha iniziato il suo percorso nel lontano 2005, anche con l’approvazione di uno specifico regolamento ma che a distanza di ben 12 anni non riesce ancora a decollare” sostiene Rosaria Ciancaione.
“A Roseto sembra che gli strumenti previsti nel regolamento, spirati a principi comunitari e costituzionali tesi a garantire  tutela e salvaguardia della salute pubblica,  non vengano presi in considerazione,  mentre le autorizzazioni all’istallazione di nuove stazioni radio  per la telefonia mobile continuano ad essere rilasciate dal Comune, come quella che riguarda la collocazione della stazione radio WIND sulla struttura del Residence Felicioni.
Negli ultimi decenni i livelli di esposizione ai campi elettromagnetici, infatti, sono in continuo aumento anche sul nostro territorio e la mancanza  di strumenti adeguati a valutare il grado di esposizione di  abitazioni, scuole, luoghi di lavoro,  non è tollerabile perché potrebbe essere causa di gravi pericoli per la salute pubblica”.

“Negli atti di bilancio – riprende Rosaria Ciancaione – si legge che il Comune procederà nella valutazione su possibili nuovi siti nel territorio in funzione delle richieste pervenute dai gestori di telefonia mobile, senza che nulla venga detto sulla necessità di verificare che tutti gli impianti esistenti siano effettivamente schermati con appositi sistemi che salvaguardino la salute dei cittadini residenti nelle abitazioni circostanti”.
“In carenza degli strumenti previsti nel regolamento,  come intende il Comune addirittura implementare i siti delle stazioni radio?”
Si procederà alla nomina del comitato tecnico?
Saranno riprese le attività di controllo, vigilanza e monitoraggio dei campi elettromagnetici sul territorio interrotte nel 2014?
Sarà approvato il Piano delle antenne?
Sono domande che esigono risposte chiare e concrete”.
“Chi si trova oggi a presidiare la tutela della salute pubblica, in relazione all’esposizione cronica della popolazione ai campi  elettromagnetici, non può trascurare questi aspetti – conclude Rosaria Ciancaione – e, anzi, ha il dovere di porre in essere tutte le azioni e gli strumenti possibili per garantire ai cittadini il  diritto alla salute che è l’unico diritto ad essere qualificato come “inviolabile” dalla nostra Costituzione”.

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. E' iscritto, dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, elenco pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.