Crea sito

Roseto, operazione contro il commercio abusivo

Cinque borsoni abbandonati in spiaggia dai vu cumprà alla vista di uomini dell’Ufficio Locale Marittimo del comandante Giovanni Minonne, della Guardia di Finanza e del comando distaccato della Polizia Municipale di Roseto.
L’operazione contro il commercio abusivo è scattata in mattinata, quando i rappresentanti delle forze dell’ordine hanno iniziato a setacciare il litorale rosetano per contrastare la vendita abusiva di merce contraffatta da parte di extracomunitari. Per evitare di essere segnalati e di avere guai giudiziari i venditori hanno abbandonato la loro mercanzia e si sono allontanati in tutta fretta.
I borsoni sequestrati contenevano capi di abbigliamento in modo particolare polo, poi scarpe, borse griffate, cinghie. Ovviamente tutto materiale rigorosamente contraffatto. La merce è stata affidata in custodia al comando distaccato della Polizia Municipale, accanto alla stazione ferroviaria, diretto da Berardo D’Emilio.
Verrà fatta esaminare dall’ufficio d’igiene della Asl e se non presenterà fattori di rischio per la salute delle persone verrà data in beneficienza. Altrimenti verrà portata al macero.
Sempre in mattinata, nella zona del parco Savini, non appena tra i venditori ambulanti abusivi si è sparsa la voce che le forze dell’ordine stavano operando con controlli serrati in spiaggia, sono stati abbandonati altri borsoni contenenti merce contraffatta e chincaglieria. Anche in questo caso tutto il materiale è stato sequestrato e portato negli uffici dei vigili urbani.

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. E' iscritto, dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, elenco pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.