Crea sito

PREMIO BORSELLINO NELLE SCUOLE A ROSETO CON FLAVIO INSINNA

L’associazione “Falcone e Borsellino” e l’istituto I.S. “V. Moretti” di Roseto degli Abruzzi, nell’ambito del “Premio Borsellino Tutto l’anno”, hanno organizzano la rassegna “L’indifferente è complice”: 14 incontri , dibattiti e testimonianze con oltre 50 ospiti su temi di attualità.
Al primo appuntamento ha preso parte l’attore e giornalista Flavio Insinna, che si è confrontato con i ragazzi della scuola sul tema della legalità. Il progetto nasce dall’idea per cui i giovani debbano essere coinvolti in percorsi capaci di sviluppare un senso di cittadinanza attiva e di protagonismo all’interno dei luoghi e degli spazi che frequentano abitualmente, primo tra tutti, quello della scuola. Il progetto prevede l’attivazione di percorsi di impegno nella propria città, laboratori di musica e teatro, proposte educative e didattiche, nell’ambito della promozione della legalità e della cittadinanza democratica; riflessioni sulle nozioni di giustizia, uguaglianza, integrazione, impegno, rispetto e libertà consentiranno di individuare, imparare e rispettare le regole, intese come frutto di scelte condivise all’interno di una società civile. L’obiettivo finale è quindi quello di formare dei cittadini capaci di vivere la democrazia, relazionandosi con i problemi posti dalla società e individuando momenti e spazi nei quali realizzare il proprio futuro.

Al Premio Borsellino l’avvocato Gentile
ha parlato di violenza su minori e donne

L’indifferenza, quel male oscuro che fa molti più danni perché on si ha il coraggio di scendere in campo e prendere una posizione a difesa dei più deboli, di chi subisce soprusi, delle donne maltrattate, che subiscono violenza.

“Non violenza, violenza” il tema del secondo appuntamento all’Istituto Moretti di Roseto nell’ambito del Premio Borsellino. Si è parlato di stalking, di violenza sui minori e sulle donne, in occasione della presentazione del libro scritto dall’avvocato Nicodemo Gentile, che ha trattato casi importanti a livello nazionale di violenze subite.

“Laggiù tra il ferro, storie di vita, storie di reclusi” il titolo che ha dato l’autore al suo libro, un concentrato di racconti importanti, di testimonianze che arrivano dalle carceri che non devono essere considerati delle discariche dove confinare soggetti che hanno sbagliato. Tutti sbagliano, ma tutti hanno sempre una seconda possibilità per ripartire. Sbaglia anche chi resta indifferente dinanzi ad episodi di violenza, che non racconta, che non prende le difese di chi le subisce.

Oltre all’autore del libro, presente anche l’avvocato Federica Benguardato, anche lei impegnata sotto l’aspetto sociale contro fenomeni di violenza. La loro presenza all’Istituto Moretti e in molte altre scuole superiori ha il compito di far passare un messaggio: mai restare indifferenti. Perché chi è indifferente è complice, come è emerso in occasione del primo appuntamento del Premio Borsellino tenuto a battesimo da Flavio Insinna.

Molto partecipata la presenza degli studenti che hanno ascoltato anche con molto interesse l’intervento iniziale di Leo Nodari, il fondatore del Premio Borsellino il quale ha esortato i ragazzi a tenere conto soprattutto di ciò che dicevano sempre Madre Teresa di Calcutta, Martin Luther King, gli intellettuali ebrei che erano nei campi di concentramento: non avevano paura dei loro nemici ma di chi pur sapendo non facesse nulla perché tutto ciò non accadesse.

Iniziative come quelle del Premio Borsellino hanno il compito di scuotere le coscienze e di aprire gli occhi alle nuove generazioni. La dirigente scolastica del Moretti, la professoressa Sabrina Del Gaone sa che queste iniziative contano tanto “perché sono fondamentali per la formazione dei ragazzi, sono una linfa vitale al di là di ciò che raccolgono nell’aula”.

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. E' iscritto, dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, elenco pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.